Sedazione Per Inalazione Di Protossido Di Azoto (Gas Esilarante)

Nel nostro studio è possibile effettuare la sedazione per inalazione di protossido di azoto, conosciuto anche come gas esilarante.

La sedazione mediante inalazione di protossido di azoto (N2O) e ossigeno (O2) viene comunemente definita come “la tecnica sedativa clinica quasi perfetta”…

Cos’è il protossido di azoto e soprattutto cosa fa

Il protossido di azoto (la cui formula chimica è N2O) è un gas, non ha colore né odore, non irrita ed è possibile inalarlo.

Una volta inalato il protossido d’azoto, questi, elimina il dolore e induce una piacevole sensazione.

Dopo aver respirato per circa 5 minuti il gas, si avverte una sensazione di euforia in tutto il corpo. Ci si sente ubriachi e felici. Alcune persone riferiscono anche “allucinazioni” visive e uditive piacevoli.

Livelli di sedazione

A seconda della concentrazione e durata della somministrazione di gas esilarante, possono essere sperimentati quattro livelli di sedazione successivi ad un’iniziale sensazione di stordimento:

  1. sensazione di formicolio, soprattutto nelle braccia e gambe;
  2. sensazione di calore;
  3. sensazione di benessere, euforia e/o galleggiamento;
  4. sonnolenza, difficoltà a tenere gli occhi aperti o parlare, nausea.

Durante l’analgesia relativa, o analgesia sedativa, il quarto livello non si dovrebbe mai raggiungere, in tal caso vuol dire che sei sovrasedato. Nessuna paura: basta dirlo al tuo dentista affinché possa regolare la percentuale di N2O; in alternativa, basta sfilarsi la maschera e respirare l’aria ambientale.

COME VIENE SOMMINISTRATO IL PROTOSSIDO DI AZOTO IN ODONTOIATRIA?

L’attrezzatura utilizzata per la somministrazione del protossido di azoto dal dentista è abbastanza semplice, è possibile respirare il gas esilarante attraverso una mascherina nasale profumata (vaniglia, fragola, bubble-gum, arancia). Basta respirare normalmente col naso ed il gioco è fatto.

I VANTAGGI DELL’USO DEL PROTOSSIDO DI AZOTO DAL DENTISTA

Il protossido di azoto funziona molto rapidamente, infatti, entro 20 secondi raggiunge il cervello;  dopo circa 2 o 3 minuti  si raggiungono il rilassamento e la soppressione del dolore.

La profondità della sedazione può essere modulata continuamente, consentendo, quindi, all’operatore che somministra il gas di aumentare o diminuire la “profondità” della sedazione.

Altre tecniche di sedazione cosciente hanno una durata fissa, in quanto i farmaci hanno una efficacia limitata nel tempo; il protossido può essere somministrato per l’esatto tempo necessario.

Con il protossido di azoto il dentista può facilmente somministrare dosi incrementali fino ad ottenere l’azione desiderata (questo processo è detto “titolazione”). Così l’odontoiatra ha il controllo praticamente assoluto dell’azione del farmaco, impedendo la possibilità di un’overdose accidentale.

Non c’è nessun effetto “sbornia” – il gas viene eliminato dal corpo entro 3-5 minuti dopo l’interruzione della somministrazione della miscela protossido/ossigeno. Si può tranquillamente guidare e non c’è bisogno di essere accompagnati.

Il gas esilarante innalza la soglia del dolore e ha un effetto anestetico locale sulle mucose e sui tessuti molli,  come le gengive, per questo si parla di analgesia sedativa; tuttavia, gli effetti antidolorifici variano molto da persona a persona.

La sedazione per inalazione è molto sicura. Ha pochissimi effetti collaterali e non ha effetti negativi su cuore, polmoni, fegato, reni o cervello.

La analgesia sedativa è molto efficace nell’eliminare, o almeno minimizzare, il riflesso del vomito.

A chi è possibile somministrarlo?

A TUTTI. Non c’è paziente, adulto o bambino, fobico od indifferente, tranquillo od agitato, pauroso o coraggioso che non ne possa trarre beneficio.

  • Ai fobici, perché altrimenti difficilmente si lascerebbe curare.
  • Ai bambini, perché non è facile renderli collaborativi.
  • Ai diversamente abili, ai quali si evita l’anestesia generale.
  • Agli adulti che trovano una soluzione definitiva e piacevole alle proprie ansie.
  • Ai pazienti ‘a rischio’ ai quali lo stress potrebbe causare gravi conseguenze.

Quando si può usare?

SEMPRE

  • Nelle operazioni più invasive e cruente, od anche solo le più lunghe, quelle che generalmente spaventano di più il paziente e maggiormente necessitano della sedazione.
  • Negli interventi più semplici.
  • Nell’Igiene Orale dove il paziente prova, se non grande dolore, certamente un grande fastidio se non eseguita in anestesia.
  • Nella presa delle impronte perché elimina il riflesso del vomito.
  • Nel courettage dove la sensibilità dei denti o l’infiammazione gengivale rende problematico andare in profondità senza provocare dolore.
  • Nel sondaggio delle tasche parodontali.
  • Nel mantenimento dell’igiene, in implantologie e parodontologia, così importante per il successo della cura e nelle operazioni invasive e cruente che preoccupano il paziente.

Perchè usarlo?

  • Perché il Protossido d’Azoto desensibilizza le mucose orali ed innalza la soglia del dolore.
  • Potenzia l’effetto dell’anestetico.
  • Minimizza la sensazione del trascorrere del tempo.
  • Toglie ansia, paura, stress, disagio, vergogna, inquietudine, nervosismo ed impazienza.
  • Disinibisce, euforizza, lascia una piacevole sensazione di benessere.

Perchè il Protossido d’Azoto è un gas esilarante e, per questo, piace a tutti.

Esistono controindicazioni?

  • Sconsigliato nei primi 3 mesi dello stato di gravidanza, ma non dopo
  • Tossicodipententi
  • Soggetti in cura antidepressiva con neurolettici o sali di litio.
  • Infezioni polmonari acute.
  • Gravi malattie mentali.
  • Perforazione della membrana timpanica
  • Sostituzione del vitreo dell’occhio!

Come faccio a sapere se fa al caso mio?

Chiedimi di provarlo per 5 minuti… dopo non potrai più fare a meno!